CITTADINO: chi è costui?

Fino agli inizi degli anni ’80 la carta d’identità degli italiani, abitanti sul territorio della REPVBBLICA ITALIANA, riportava, oltre ai dati anagrafici, anche l’indicazione della loro “nazionalità”; successivamente fu sostituita con “cittadinanza”. 

 

Il perché viene giustificato dal fatto che un figlio di italiani, solo nato all’estero ma appena dopo la nascita trasferito in Italia, da quel momento sempre residente sul suolo italiano, non dovrebbe essere identificato dalla nazione di nascita (Germania o Svizzera, per esempio) ma dallo Stato di cui è membro.

 

Tutto questo ha comportato altre considerazioni a proposito degli immigrati.

Hanno una loro nazionalità, magari atavica, ma quando sono in Italia chi sono, o cosa diventano?

 

In realtà, le motivazioni sono ben altre, e quando si scopre quali sono è comprensibile assistere a perplessità, stupore ma anche indignazione. 

 

Conosci meglio l’argomento. Scarica il file qui sotto, ricco di referenze e immagini.

 

DOWNLOAD